Il politico (nella foto) nei corridoi del Palazzaccio catanese. E arrivano spiegazioni e retroscena sulla vicenda che lo vede coinvolto…di iena giudiziaria marco benantiQualche mese è scoppiato l'ennesimo scandalo. In quel di Mascalihttp://www.ienesiciliane.it/cronaca/13024-mafia-e-corruzione-town-hall-ovvero-il-volto-sporco-di-mascali.htmlFra i coinvolti anche un volto notissimo, quello di Biagio "Biagione" Susinni. Lo abbiamo "intercettato" nei corridoi del Palazzo di giustizia a Catania. E gli abbiamo rivolto qualche domanda, a partire da quanto accaduto...

"Praticamente -dice Susinni- c'e stata in questi anni una lunga indagine sul comune di Mascali, avevano sequestrato tanti atti amministrativi; io mancavo dal comune dal 1991, ritorno al comune nel 2008 con la carica di presidente del consiglio comunale, ma l'oggetto dell'indagine non riguarda delibere adottate nell'esercizio delle mie funzioni di presidente del consiglio, perché io dal 2008 al 2013 sulla vita amministrativa ho svolto il mio ruolo di controllo ma non ho adottato né tanto meno ho partecipato a incarichi a altro genere, etc etc…"Spiega ancora Susinni:"mi viene contestata una delibera adottata a favore di un imprenditore, di una variante del 1990, ma che mi vengono contestate diverse ipotesi di corruzione al 2011, ma io non ho -diciamo cosi- nella mia lunga carriera politica, io debbo dire che mai da parte di operatori, imprese etc etc mi sono mai permesso di chiedere qualche cosa in cambio di, anche perché –ripeto- non ho fatto più attività di gestione da tantissimi anni."E cosa è accaduto?"Dopo l'arresto ecco che il 13 dicembre Susinni viene "sentito, interrogato dal Gip, dalla dottoressa Maggiore ritengo che se le cose che ho detto in quella sede con la documentazione, con tutte le ipotesi di reato che a mio modesto parere ritengo di non aveve fatto, praticamente il Tribunale della Libertà, perché avevamo anche ipotesi di corruzione aggravata dall'articolo 7 per avere favorito gruppi o persone in odore di mafia, il Tribunale della Libertà il 27 di dicembre ha annullato l'aggravante dell'art. 7 e un'ipotesi di corruzione."E allora?"Da allora sono stato posto agli arresti domiciliari per tre mesi, giorno 10 scadevano i termini della custodia cautelare, c'è stato un provvedimento da parte del Gip di scarcerazione. Io in questo processo ritengo di difendermi ampiamente e di avere tutta la documentazione, di difendermi dentro il processo".E ancora: " ad un'intervista di una tv locale ‘Primatv' mi hanno fatto una domanda per dirmi qual' è la sensazione, una custodia cautelare cosa comporta…io lo voglio ribadire a lei, è chiaro che una custodia cautelare è momento di sofferenza per chiunque è soggetto ad una tale misura, però gli ho detto a ‘Primatv' non si meravigli di quello che le dico e lo ripeto a lei. Dal 2008 quando ho messo piede al comune di Mascali, dal 2008 tutti i giorni nella gente, gli avversari politici, i funzionari del comune etc etc hanno ripetuto erga omnes e a tutti hanno ripetuto Susinni è inseguito da coloro che indagano a Giarre, è inseguito, sarà arrestato e quindi io.."Avevano la palla magica?"Dal 2008 ho vissuto sempre la sera andando a letto, che praticamente tutti sapevano questa notizia."Ma come facevano a dirlo?"Allora io quando sono venute le autorità a sequestrare gli atti al comune ho visto che coloro i quali erano i responsabili delle delibere, perché io non faccio parte di gestione, ma coloro i quali che firmavano le delibere li vedevo con i volti sorridenti e questo fatto diciamo così mi ha portato a fare delle considerazioni tanto è vero che con la delibera n 40 del consiglio comunale del 2012 io queste cose che sto dicendo a lei le ho dette in una delibera, quindi in un atto formale."Lei cosa voleva dire?"Io in quella delibera gli dico: ‘Signori vedo con mia amarezza che nonostante ci siano interventi pesanti di sequestro di una miriade di atti amministrativi, specialmente nel settore urbanistico, mi meraviglio che vedo tutti i volti da parte di amministratori e soprattutto di funzionari che sono i veri responsabili degli atti, vedo volti sorridenti e questo fatto –ho detto- mi fa intuire che praticamente chi sorride sia funzionari che assessori vuol dire che seguono quella linea che il predestinato è Susinni".E hanno indovinato?"E hanno indovinato. Io a chiusura di questo mio ragionamento vi debbo dire anche che Mascali è stato sciolto per presunte infiltrazioni mafiose, abbiamo fatto un ricorso al Tar del Lazio competente, però confermo ancora una volta che tre quattro delibere fatte dall'ammiinstrazione comunale e per maggiore precisione fatte dai funzionari che hanno il compito e il dovere di gestire, sono atti, un atto è stato fatto il 10 luglio del 2008 per un acquisto di una pedana a mare di tremila euro fatta dal funzionario il 10 di luglio del 2008, io mi sono insediato al comune di Mascali il 24 luglio, altre due tre atti che hanno fatto che non sono di mia pertinenza.La presunta complicità di avere favorito persone vicine ad ambienti mafiosi sono stati bocciati dal Tribunale della Libertà e quindi mi rimane nella mente vedi caso come mai dal 2008 tutti ripetevano che dovevo essere arrestato.Ebbene allora gli ho detto ai suoi colleghi di ‘Primatv' che nel momento in cui mi hanno arrestato in quel momento stranamente mi sono liberato perché ero stato arrestato da quattro anni, da cinque anni nel momento in cui ho conosciuto i motivi dell'arresto mi sono rassenerato."Quindi vede una prospettiva positiva?"Ma la sofferenza di quattro, cinque anni, additato all'opinione pubblica, additato dagli avversari ‘arrestato, arrestato, arrestato' lei alla fine quando si verifica l'evento alla fine rispetto alla pena che ha vissuto nei cinque anni diventa una liberazione."